HomeBlogGuide pratiche autoAquaplaning: come reagire in modo corretto
25 novembre 2022

Aquaplaning: come reagire in modo corretto

Le precipitazioni sono più frequenti in autunno. Pioggia e temporali sono i protagonisti del meteo durante questi mesi, il che mette a rischio la sicurezza stradale. La visibilità è ridotta quando piove e l'aderenza degli pneumatici alla strada può temporaneamente venire meno, causando il fenomeno dell'aquaplaning.

Che cos'è l'aquaplaning? L'effetto aquaplaning si verifica quando gli pneumatici non riescono a disperdere l'acqua incontrata sul terreno e perdono la loro aderenza alla strada per alcuni secondi. In altre parole, nel linguaggio automobilistico l’aquaplaning è un fenomeno consistente nello spostamento incontrollato del veicolo, dovuto alla perdita di contatto dello pneumatico con il piano stradale in presenza di uno strato d'acqua che copre il terreno. Questo effetto è noto anche come idroplanaggio.

L'aggettivo “incontrollato” è quello che dovrebbe preoccuparci di più come guidatori, perché significa che perderemo il controllo del volante in un momento in cui può succedere di tutto: da una collisione con un altro veicolo a un'uscita dalla carreggiata. Per uscire da una situazione di aquaplaning dobbiamo sapere come reagire in modo appropriato, ma è anche importante sapere quali sono le cause che portano ad esso.

Perché si verifica l'aquaplaning?

Sappiamo già che l'aquaplaning è la perdita di controllo di un veicolo quando le ruote perdono il contatto con il terreno a causa di una presenza eccessiva d'acqua, ma il semplice fatto che piova non è l'unica causa dell'aquaplaning. In realtà le ragioni dello slittamento sull’acqua sono molteplici:

  • Quando si verifica un accumulo eccessivo di acqua sulla strada e si formano delle pozze d'acqua.

  • Quando l'acqua si unisce ad olio, sporco e sale.

  • Guida ad alta velocità su asfalto bagnato, poiché ad alta velocità lo pneumatico non è in grado di disperdere in tempo l'acqua accumulata.

  • La scarsa manutenzione della pavimentazione impedisce un drenaggio efficiente dell'acqua accumulata.

  • Configurazione del battistrada dello pneumatico inadeguato.

  • Profondità del battistrada insufficiente. È consigliabile avere una profondità del battistrada superiore a 2 millimetri.

  • Pressione degli pneumatici inadeguata.

  • Il peso del veicolo: più leggero è il veicolo, maggiore è il rischio.

Ora che sappiamo perché si verifica l'aquaplaning, è importante sapere come reagire in modo sicuro nel caso in cui la nostra auto perda aderenza su una strada bagnata.

Cosa fare in caso di aquaplaning

Nel caso in cui ci accorgiamo che la nostra auto inizia a fare aquaplaning, ecco tre consigli molto chiari su come agire:

  1. Il primo è quello di tenere il volante con fermezza, ma senza sbandare o tentare di deviare l'auto. Cerca semplicemente di mantenere la rotta e di non sbandare.

  2. Togli il piede dall'acceleratore ma non cercare di frenare, lascia scivolare l'auto.

  3. Una volta usciti dalla pozzanghera, riprendi dolcemente traiettoria e velocità.

Se manteniamo la lucidità e ricordiamo questi tre passaggi, sapremo cosa fare in caso di aquaplaning ed eviteremo un grave incidente o uno spavento.

Come evitare l'aquaplaning

Oltre a sapere cosa fare quando perdi il controllo dell'auto, devi adottare misure per ridurre il più possibile il rischio di aquaplaning. Il momento in cui è più probabile che il veicolo subisca il fenomeno dell’aquaplaning è in caso di pioggia, il consiglio migliore è quello di togliere il piede dall'acceleratore: aquaplaning e velocità vanno di pari passo. Ma questa non è l'unica raccomandazione per evitare l'aquaplaning.

Gli pneumatici, che sono sempre a contatto con l'asfalto, sono i nostri migliori alleati per evitare l'aquaplaning del veicolo. Quindi, dobbiamo sempre tenerli in perfette condizioni, con una profondità del battistrada superiore a 2 millimetri e senza gravi difetti o ammaccature. L'ultimo consiglio su cosa fare per evitare l'aquaplaning è quello di guidare guardando diversi metri davanti al veicolo, non solo davanti al cofano. In questo modo, sarai in grado di vedere le pozze d'acqua accumulate sulla strada con un tempo sufficiente per evitare di sterzare e di passare sull’accumulo d’acqua, riducendo così il rischio di aquaplaning.


💡 Ti potrebbero interessare anche…

Se controlli prima dell'acquisto, ti risparmierai brutte sorprese.

Controlla la targa o il telaio senza impegno:
Visualizza un esempio di report CARFAX